tsportinthecity

Under 17 Allianz: Gradisca corsara

Tempo di lettura: 2 minuti

PALLACANESTRO TRIESTE – BASKET GRADISCA 45 – 66 (15-24; 25-39; 33-57)
Allianz Pallacanestro Trieste: Millo, Ceppi, Obljubech, Morgut 2, Cavinato 9, Tuhcic 3, Desobgo 7, Fantoma 5, Gulli 2, Bittolo Bon 6, Crnobrnja 9, Mueller 2. All. Comuzzo.
Metamorfosi Gradisca: Comelli 22, Ballaben, Vesco 5, Cvetreznik 3, Crevatin 17, Marcuzzi 6, Blasco 6, Bianchini 2, Marras 2. All. Ardessi
Arbitri: Bonano e Covacich

Perde 45 – 66 la formazione Under 17 che sta affrontando anche il campionato di Serie D: nel venerdì sera dell’Allianz Dome, i ragazzi di Comuzzo si piegano contro l’esperta Metamorfosi Gradisca guidata da “Caio” Ardessi, che si impone di ventuno lunghezze sul campo di Via Flavia.
Fin dall’inizio, è evidente che gli isontini cercano di sfruttare la loro maggior esperienza e fisicità, riuscendo ad innescare l’ex biancorosso Comelli (22 punti alla fine per lui), che va in doppia cifra già durante il primo periodo e porta Gradisca sul +9 al 10’. Trieste, dal canto suo, non riesce a trovare ritmo in attacco e fatica enormemente ad andare a canestro: Cavinato cerca in qualche maniera di sbloccare l’attacco biancorosso, ma già nel secondo periodo Gradisca prende il largo e trova il vantaggio in doppia cifra grazie a Crevatin ed alla presenza sotto canestro di Blasco (25 – 39).
Al rientro dagli spogliatoi, le cose non vanno meglio per Trieste: Gradisca continua a macinare gioco e punti, con l’accoppiata Comelli – Crevatin (39 punti alla fine, in due) e il ritardo di Millo e soci scollina i venti punti. La partita si trascina stancamente fino alla fine con Gradisca che riesce a gestire bene il margine e Mueller e compagni che non riescono a rientrare: qualche tripla di Crnobrnja rende meno amaro lo scarto finale, che comunque è di ventuno punti.
Coach Stefano Comuzzo alla fine della partita: “Abbiamo subito troppi contropiede, derivanti da tiri affrettati. Siamo stati mediocri nella costruzione dei tiri in attacco e, da qui, il risultato conclusivo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *