tsportinthecity

Non riesce l’ultimo aggancio

Tempo di lettura: 2 minuti

PALLAMANO TRIESTE-JUNIOR FASANO 25-26
PALLAMANO TRIESTE: Postogna, Zoppetti, J. Radojkovic, Aldini 1, Dapiran 1, Hrovatin 4, Mazzarol, Nocelli, Pernic 2, Mitrovic 5, Di Nardo 2,Visintin, Stojanovic, Sandrin, Pagano 3, Bratkovic 7. All. F. Radojkovic
JUNIOR FASANO: Sibilio, Fovio, Grassi, Angiolini 6, Angeloni 1, Sperti 3, Pugliese 4, Messina 1, Franceschetti 4, beharevich, Hjortenbo 3, Jarlstam 4. All. Ancona.
ARBITRI: s. Bello e N. Panetta

Fa abbastanza male la sconfitta rimediata dalla Pallamano Trieste nella prima esibizione davanti al pubblico amico: la squadra di Radojkovic perde di una sola lunghezza battuta, si può dire, negli ultimi cinque minuti, da un Fasano molto determinato che ha saputo rimontare e sorpassare i triestini con un break di quattro reti, concretizzato quando non c’era poi più il tempo di ribaltare la situazione se non farsi riavvicinare ad una sola lunghezza.

Seconda sconfitta, quindi, per i colori alabardati, anche se molto diversa da quella della prima partita a Bolzano: stavolta la squadra si è impegnata a fondo ma, ed è una cosa che non si riesce ancora a comprendere, ha sbagliato una quantità industriale di conclusioni. Il primo avviso della situazione, proprio all’avvio di partita con gli ospiti che vanno rapidamente a segno mentre Trieste ci mette sei minuti e mezzo per trovare il pareggio. Nel frangente, due palle perse, due conclusioni sbagliate tre parate di Postogna, ma anche tre parate di Fovio su Dapiran prima di vedere il primo gol di casa, siglato da Pernich, a porta vuota perché Fasano, per bilanciare l’inferiorità numerica, aveva tolto dal campo l’estremo difensore.
La partita continua con molto equilibrio prova a scappare Trieste avanti di due grazie a Bratkovic ma arrivano puntuali le contromisure dei pugliesi che, a metà tempo, scappano avanti di quattro: negli ultimi cinque minuti, però, Trieste ha una gran reazione e con Mitrovic, Bratkovic e Hrovatin, a fil di sirena acchiappa il pari a quota 11.

Nella ripresa, Trieste torna sotto ma reagisce e l’andamento del match ricalca quello del primo tempo ma è la formazione di Radojkovic a cercare di scappare con fasano all’inseguimento. Dal 16 pari, due strappi: il primo ospite con tre palloni consecutivi in rete, rintuzzati da una doppia segnatura di Di Nardo e da un gol di Hrovatin, Trieste sembra più in palla e, con due contropiede di Dapiran e Bratkovic sembra mettere la freccia. A sei minuti dal termine il caparbio Fasano trova nuovamente la parità con un penalty e subito dopo piazza il break decisivo che lo porta a quota 26, quanto basta per tener a bada i due ultimi centro alabardati.

I RISULTATI
Conversano-Cassano Magnago 20-15
Secchia Rubiera-Teamnetwork Albatro 26-25
Carpi-Alperia Merano 32-33
Raimond Sassari-Brixen 25-24
Sparer Eppan-Bozen 34-34
Trieste-Junior Fasano 25-26

Rip.: Pressano

LA CLASSIFICA
Conversano e Junior Fasano punti 6;
Brixen, Alperia Merano, Sparer Eppan, Raimond Sassari 4;
Pressano e Bolzano 3;
Secchia Rubiera 2;

Pallamano Trieste, Cassano Magnago, Carpi e Teamnetwork Albatro 0.

IL PROSSIMO TURNO
Brixen-Conversano
Raimond Sassari-CArpi
Teamnetwork Albatro-Pallamano Trieste
AS Junior Fasano-Pressano
Alperia Merano-Sparer Eppan
Cassano Magnago-Bozen
Rip.: Secchia Rubiera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *