tsportinthecity

Cuturic: “Rotto il ghiaccio.”

Tempo di lettura: 2 minuti

Prima affermazione, per l’MV Group Cus Trieste, nel campionato di Serie B di volley 2021/2022: il 3 – 1 arrivato con la Kioene Padova è ossigeno puro per la compagine universitaria, che si prepara per un’altra trasferta impegnativa in Veneto. Il prossimo obiettivo si chiama Cornedo Vicentino (sabato 20, ore 20.30, arbitri dell’incontro i signori Marco Baldan e Davide Salvan), ma nel frattempo coach Jasmin Cuturic torna sull’ultima partita e sulle motivazioni dei suoi ragazzi, che hanno sbloccato la classifica. 
Coach Cuturic, prima vittoria in campionato: buoni segnali, perchè arriva in una gara dove avete dovuto lottare. Una partita “sporca”, è stata definita così: quali sono le tue sensazioni a tal proposito? 
“Prima di tutto vorrei fare i complimenti ai ragazzi per la vittoria – questa la chiosa di Cuturic -; non per la qualità del gioco dimostrato, anche perchè abbiamo avuto dei cali a tal punto che, nel terzo set, ho messo a riposo tutto il sestetto. I titolari si sono riposati mentalmente e, nel quarto set, sono rientrati con un’altra carica: abbiamo lottato tanto e, per il momento, ci bastano questi tre punti che smuovono un pò la nostra classifica”. 
Ora che avete rotto il ghiaccio e vi siete sbloccati, che cosa ti attendi dalla tua squadra? Che cosa bisognerà fare per assicurare continuità al risultato?
“Diciamo che ci siamo sbloccati per i risultati, ma non ancora per la qualità del gioco. Dobbiamo renderci conto che le partite non si vincono adottando soluzioni più complicate, ma facendo le cose semplici: a volte, cercare la strada più difficile ci è costato qualche set e, in alcuni casi, la partita. Quello che dovremo fare sarà allenarsi ancora, credere nelle nostre capacità e nella squadra”. 
La chiusura con una parola per i tuoi ragazzi? 
“Voglio fare i complimenti a loro, ho cercato di fargli comprendere il mio punto di vista come allenatore. La tattica, la partita e tutti i dettagli che un allenatore deve spiegare bene ai propri giocatori, altrimenti non si riesce ad avere risultati: io sono abituato a mettermi davanti alla mia squadra in quanto a responsabilità e farò del mio meglio perchè i giocatori capiscano appieno che cosa vogliamo fare come obiettivo finale, tutti assieme”. 

 Credit by Ufficio Stampa ASD Cus Trieste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *