tsportinthecity

Ma, alla fine, Saronni ha vinto o no il Giro di Toscana 1978?

Tempo di lettura: 2 minuti

Perchè, nella debacle totale dell’ineffabile tandem RaiSport-Eurosport Player nella prima giornata della corsa scudetto nel basket, l’appassionante volata finale dell’inedito evento ciclistico è rimasto l’unico risultato in sospeso, quello al quale le migliaia di illusi che si erano allestiti il solito tavolino da divano con frittatona cipollata e Peroni ghiacciata per godersi Milano-Trento e Venezia-Sassari avevano iniziato ad appassionarsi, cullati dalla rassicurante cronaca di Augusto De Zan. E invece, proprio sul più bello, con Beppe Saronni in fuga, la Rai interrompeva la telecronaca in leggera differita per collegarsi con il Forum a soli 18 minuti dal termine della partita.

Certo, uno pensa, con un semplice gesto sul telecomando della Smart TV il talebano baskettaro avrebbe potuto sintonizzarsi su Eurosport per sbirciare le prime fasi di Venezia-Sassari, ed in effetti gli intraprendenti dotati di spirito di iniziativa che ci hanno provato sono stati premiati con un corso di lingue gratuito: la prima lezione prevedeva la frase “Il prossimo programma inizierà a breve” in 186 lingue diverse. Su “следующая программа начнется в ближайшее время”, quando mancano solo il ruandese ed il laosiano, ed al Taliercio sta per finire il primo tempo, Eurosport cede e si collega con la Laguna, dove sta infuriando una battaglia ritenuta troppo pericolosa per i deboli di cuore. Mossa da pietà e per evitare cause per infarti ai tifosi, dopo qualche istante di visione ininterrotta comprensiva di Half Time Show, la telecronaca veniva pietosamente sostituita da interessantissimi salvaschermo, preservando i poveri astanti dalla visione degli ultimi 8 minuti di un match finito al supplementare, per riapparire senza preavviso giusto in tempo per vedere il chirichetto Sardara togliersi la mascherina per per @*%#*re in diretta a qualche secondo dalla sirena finale.

Vabbè, dai, fra poco il baskettaro vagamente deluso potrà assistere almeno a Brindisi-Trieste. Il collegamento non subisce intoppi, va regolarmente in onda sia sul gelatinoso schermo di RaiSport+HD che su Eurosport Player. Ben presto però, il sopracitato allestimento enogastronomico viene sostituito da pallottolieri e cronometri, dal momento che la telecronaca, ripresa dal punto di vista della stazione orbitante internazionale, non prevede le sovraimpressioni né del punteggio né del tempo di gioco.

Il back to back, però, ci salverà: già dopo 24 ore i due professionalissimi network avranno modo di esibirsi in nuove mirabolanti avventure, magari riproponendo il gran premio di go-kart di Buenos Aires del 1984 o un nuovo corso di lingue con la seconda lezione: “vogliate scusarci per la nostra totale incapacità di gestire un servizio a pagamento appena decente”.

PS: il giro di Toscana del 1978 fu vinto da Giuseppe Perletto davanti a Pierino Gavazzi. Saronni, dopo aver condotto a lungo il gruppo, finì nelle retrovie.
PS2: “il prossimo programma inizierà a breve” in laosiano si dice “okhngkan topai cha loemton naiuaaini”. Come si dica in ruandese, invece, rimarrà per sempre un mistero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *